fbpx

POLIRINIA l'antica città di Kissamos

POLIRINIA l'antica città di Kissamos

POLIRINIA la città antica

In epoca arcaica, la città di Polyrinia era una delle più importanti e potenti città della Creta occidentale. La città fu costruita ad anfiteatro sulla cima di una collina, sei chilometri a sud di Kissamos. Polyrinia era il porto di Kissamos. Sulla cima della collina si trovava l'acropoli, a forma di "T" e circondata da mura ciclopiche.

Polirinia
Polyrinia (vista amfiteatrale)

All'inizio i Polirini vivevano in piccoli insediamenti, ma con la discesa degli Archei e dei Lacedemoni si abituarono a vivere all'interno della roccaforte che fortificarono con mura.

Il nome della città, che significa "Molte pecore", indica le proprietà dei suoi abitanti.

Polirinia fu una delle città che formarono l'unione delle città cretesi, con Gymenis II di Pergamo, nel 170 a.C.; la città aveva anche firmato il trattato di alleanza con i lonicGeo, nel 193 a.C.

Gli abitanti della zona erano dediti al culto delle loro divinità. Nel sito della moderna Chalkoklissia si trovava il tempio di Artemide di Diktyna. Oltre a Diktyna, la gente era solita venerare Zeus e Atenaq, di origine cretese, con elmo e lancia, fatto che testimonia il loro carattere bellicoso.

Polirinia (il tempio)
Polirinia (il tempio)

Di ritorno da Troia, una tempesta spinse Agamennone verso Creta; raggiunse la zona di Polirinia, dove sbarcò, e salì sulla collina per offrire un sacrificio agli dei.

Durante il sacrificio fu informato che i prigionieri avevano dato fuoco alle navi, così fu costretto a scendere, lasciando il sacrificio incompiuto. Da allora, ogni sacrificio tumultuoso fu chiamato "sacrificio cretese".

Già prima del 220 a.C., quando Cnosso e Gortyna, alleate, avevano sottomesso quasi tutta Creta, Polirinia si staccò dalla loro coalizione e si alleò con Litto e Filippo V, re di Macedonia, che le inviò soldati per assistere all'assedio di Kydonia, Aptera ed Eleftherna; Polirinia costrinse così queste città a rompere la loro coalizione con Cnosso.

In Polirinia viveva e lavorava Kallikritos (III sec. a.C.). Tolomeo l'innografo, che scrisse encomi per Iside (II sec. a.C.), e Tolomeo l'interprete dei sogni.

Polyrinia fiorì sotto i Romani e divenne la città rivale di Kydonia, la sottomissione dell'isola ai Romani ne favorì lo sviluppo. Con l'invasione dei Romani nell'isola, i Polirini non parteciparono alla lotta comune degli abitanti di Cnosso e di Kydonia contro i Romani, a causa della loro inimicizia con i Kydoniani.

Non si schierarono apertamente dalla parte degli stravaganti invasori, ma il loro nome non si trova tra quelli delle città che combatterono per la causa comune della loro patria. Questa politica fu vantaggiosa per Roma.

La statua di Metello, eretta subito dopo la sua dominazione, è la prova che il popolo lo considerava un salvatore e un benefattore.

Polirinia
Villaggio Polyrinia (oggi)

Da allora la città ottenne privilegi, fece circolare le proprie monete e godette del favore degli imperatori Augusto, Caligola, Traiano e altri. Un'iscrizione ancora esistente testimonia che gli abitanti di Polirinia furono beneficiati dall'imperatore Adriano.

Sotto il suo regno vennero costruite una strada alta e delle gallerie, larghe 1,35 m e alte 2,30 m, che conducevano attraverso il terreno roccioso a un serbatoio d'acqua.

Non lontano dal bacino idrico, sopra la città, si trova la Colombaia, all'interno della quale si trovava, in un'alcova, la statua della ninfa-dea della sorgente.

Visitare Polyrinia con una mountain bike! Noleggiare una bicicletta dal nostro ufficio a Kissamos.

Corso: KISSAMOS un luogo ideale per il turismo alternativo (Guida turistica degli ex comuni di Kissamos - Mithymna - Inahorio 2006 - 2007)

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.